Sfinci di San Giuseppe a Palermo

Sfince di San Giuseppe a Palermo ci siamo!

Per la festa del papà, come la tradizione vuole, in ogni angolo della città e della provincia panifici e pasticcerie si riempiono di Sfinci!

Le Sfince di San Giuseppe sono il dolce simbolo per la festa del papà

Ma per i più volenterosi o per chi è lontano da Palermo vi spiego come preparare la Sfincia di San Giuseppe in casa!

Cosa sono le Sfince di San Giuseppe?

Le Sfince di San Giuseppe sono dei grandi bignè fritti, farcite con crema di ricotta dolce, gocce di cioccolato, guarniti con arancia e ciliegia candite.

Se un tempo le Sfince venivano preparate per dare il benvenuto alla primavera, non dimentichiamo che le origini delle sfinci palermitane sono arabe!

Inizialmente infatti la Sfincia veniva guarnita con miele e zucchero.

Chi ha inventato la Sfincia Palermitana?

Furono poi le suore clarisse del Monastero delle Stimmate di San Francesco a dare vita a quelle che oggi sono le nostre Sfinci.

La Sfincia di San Giuseppe è un tipico dolce della tradizione palermitana che addolcisce e celebrare il 19 Marzo, festa del papà e festività di San Giuseppe.

E visto che siete in tanti ogni anno a chiedermelo, vi lascio qui la vera ricetta delle Sfinci di San Giuseppe palermitane.

Floriana.

Ingredienti (per la pasta choux):

  • 500 g farina 0 Manitoba (va bene anche la farina 00)
  • 500 ml acqua
  • 100 g strutto
  • 50 g burro (facoltativo)
  • 8 uova medie o 12 piccole
  • 5 g sale
  • 1/2 cucchiaino di bicarbonato

Ingredienti (per la farcitura):

  • 700 g ricotta di pecora
  • 300 g zucchero
  • q.b. gocce di cioccolato
  • q.b. arancia e ciliegia candita
  • q.b. pistacchio a granella

Procedimento

  1. Per prima cosa preparate la pasta choux: portate ad ebollizione in una pentola l’acqua con il burro, lo strutto e il sale.
  2. Non appena i grassi si sono sciolti e l’acqua inizia a bollire unite la farina setacciata e mescolate subito energeticamente con un cucchiaio di legno fin quando l’impasto non si stacca dalla pentola.
  3. Mettete così l’impasto in una ciotola e fatelo raffreddare, cercando di appiattirlo con un cucchiaio.
  4. Unite il bicarbonato e mescolate.
  5. Quando avrà raggiunto la temperatura ambiente, aggiungete le uova poco per volta.
  6. Significa che ogni uovo successivo va aggiunto solo dopo che l’uovo precedente è stato assorbito dall’impasto.

  7. Per incorporare le uova usate una planetaria con gancio a foglia.
  8. Fate riscaldare nel frattempo in una pentola l’olio di semi di girasole (2 litri) e non appena diventa caldo (180°) prendete con un cucchiaio un po’ di composto e versatelo nell’olio.
  9. La fiamma deve essere dolce.
  10. Mentre iniziano a cuocere con una schiumarola spingete le sfince verso il basso in modo tale che si cuociano anche all’interno.
  11. Non appena iniziano ad aprirsi e a gonfiare, aumentate leggermente la fiamma.
  12. Una volta brune, prendetele con una schiumarola e fatele riposare su un vassoio ricoperto con carta assorbente.
  13. Nel frattempo preparate la crema di ricotta: montate la ricotta con lo zucchero fino ad una crema liscia e soltanto dopo aggiungete le gocce di cioccolato.

  14. Tagliate poi le sfince verticalmente e farcitele con la crema all’interno e anche all’esterno. 
  15. Infine guarnite le vostre sfince con arancia candita, ciliegia candita e pistacchio a granella.Sfinci di San Giuseppe a Palermo

Trucchi del mestiere:

  • fate scolare in uno scolapasta la ricotta almeno 1 giorno prima in modo tale che questa rilasci tutto il siero;
  • se non avete una planetaria potete utilizzare uno sbattitore elettrico con ganci impastatori;

    Sfinci di San Giuseppe a Palermo

         In foto le Sfinci di San Giuseppe mignon servite al piatto su coulis d’arancia

  • se l’impasto dovesse risultare troppo asciutto, per via dell’utilizzo di una farina forte, aggiungete un po’di acqua in più o qualche uovo in più durante la lavorazione. L’impasto deve risultare liscio come una pasta choux e deve formare una striscia a forma di lingua quando cola dal cucchiaio;
  • tradizione vuole che la farcitura delle Sfinci di San Giuseppe a Palermo avvenga con le mani o con un coltello liscio.

Fra un mese esatto sarà Pasqua!
Cosa stai aspettando?

Prova anche tu la mia ricetta della Cassata al forno

Se ami ascoltare Podcast, clicca su Play e scopri quali sono le origini della Cassata siciliana.

Saranno forse greche o arabe? Scopriamolo insieme ad Eleni, una cuoca di origine greca che ci farà fare un salto nella sua bellissima terra!

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Chef blogger e Podcaster con un passato da giurista.

Cresciuta professionalmente tra i fornelli di Cantiere Cucina, la mia missione è comunicare la Sicilia attraverso i miei piatti d’autore.

Oggi sono Executive Chef del Domìa Hotel Boutique a Mondello.

Il mio progetto?

“Ti racconto una ricetta”

Ti porto con me raccontandoti la storia e l'eccellenze enogastronomiche della mia Sicilia con itinerari siciliani e eventi di antropologia culturale legati al cibo su più canali:
video itineranti, cene e cooking show da me ideati e curati, coinvolgendo aziende del territorio.
Realizzazione piatti d'autore con materie prime del territorio.
Racconti, interviste e storie divulgati mediante il mio nuovo Podcast.

Collaborazioni:
florianafontanablog@gmail.com

Ascolta il mio Podcast