Teste di turco di Castelbuono

Testa di Turco di Castelbuono: un dolce della tradizione che si è solito consumare a Carnevale e a Natale in uno dei borghi più belli della Sicilia.

A 423 metri sopra il livello del mare, lungo le pendici del Colle Milocca, nella provincia di Palermo, Castelbuono vanta un passato storico e culturale di notevole prestigio.

Un borgo nella valle delle Madonie che vi suggerisco di visitare se vi trovate o troverete in vacanza nei pressi di Palermo, in Sicilia.

Teste di turco di Castelbuono

 

CONCEPT

La mia idea nasce dal desiderio di far rivivere in chiave nuova e moderna il tipico dolce di Castelbuono per ben 2 motivi:

  1. celebrare Castelbuono, il primo borgo tra i borghi siciliani che ho visitato quando ancora ero un’adolescente
  2. ricordare. Ricordare, soprattutto in tempi critici come quelli attuali che stiamo vivendo, che la Testa di Turco di Castelbuono fu realizzata, secoli fa, per celebrare la liberazione a seguito della cacciata degli Arabi da parte dei Normanni.

Ma c’è di più:

se la Testa di Turco tipica di Castelbuono si presenta come un dolce di Carnevale a strati composto da Chiacchiere e crema al latte guarnito con una bella spolverata di cannella e gocce di cioccolato, nella mia versione ho voluto dare a questo dolce una forma che ricorda quella del nido.

Il nido come simbolo di:

  • protezione
  • calore
  • famiglia
  • vita e rinascita

Se vuoi cimentarti nella preparazione delle Chiacchiere qui trovi la ricetta

e 3 Trucchi del mestiere per ottenere le bolle!

Perché la mia versione della Testa di turco di Castelbuono ricorda la forma di un nido?

Perché attraverso questo nuovo Piatto d’autore ho voluto parafrasare il suo significato originale “Testa di turco che celebrare la liberazione dagli Arabi” in una nuova ottica positiva di speranza. 

Liberazione come:

  • augurio di rinascita (che segue sempre alla liberazione)
  • una pioggia di benedizione
  • nuova vita che inizia da adesso

COLORI E PROFUMI

Nella mia versione a nido della Testa di turco la friabilità delle Chiacchiere suona all’unisono con la consistenza fluida al palato della crema al latte.

Una crema meno addensata rispetto a quella presente nella versione originale, che meglio avvolge così la struttura del nido di frappe.

La Chiacchiera di per sé è un dolce di Carnevale croccante, dal sapore quasi neutro ma con una nota accentata liquorosa in alcune ricette o alla cannella in altre versioni.

Il suo essere neutra ma impreziosita ora dallo zucchero a velo, ora da una crema al latte come in questo caso, ci concede la possibilità di concentrarci meglio sul suono che questa produce boccone dopo boccone e sulla sua buona capacità che ha di prestarsi come dolce di accompagnamento a salse, creme e fondute.

E come una ciliegina sulla torta, l’arancia candita guarnisce il dolce e completa la mia versione rivisitata della Testa di turco di Castelbuono.

Arancia candita e canditi che sono stati gli arabi a lasciare come ricchezza culinaria nella mia Sicilia.


Se ancora non l’hai fatto, guarda

qui la ricetta e la storia delle Minne di Vergine e iscriviti al mio canale Youtube!


Tante sono le storie e le origini legate alla pasticceria conventuale palermitana.

Nell’Ep. 21 del mio Podcast ti svelo 3 cose che devi sapere sulle origini della Cassata Siciliana e sugli ingredienti che la compongono!

 

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Chef blogger e Podcaster con un passato da giurista.

Cresciuta professionalmente tra i fornelli di Cantiere Cucina, la mia missione è comunicare la Sicilia attraverso i miei piatti d’autore.

Il mio progetto?

“Ti racconto una ricetta”

Ti porto con me raccontandoti la storia e l'eccellenze enogastronomiche della mia Sicilia con itinerari siciliani e eventi di antropologia culturale legati al cibo su più canali:
video itineranti, cene e cooking show da me ideati e curati, coinvolgendo aziende del territorio.
Realizzazione piatti d'autore con materie prime del territorio.
Racconti, interviste e storie divulgati mediante il mio nuovo Podcast.

Collaborazioni:
florianafontanablog@gmail.com

Il mio progetto: Ti racconto una ricetta, tappa Polizzi Generosa
Entra a far parte della mia Community e rimani aggiornato!
Ascolta il mio Podcast