Pagnotta veloce ad alta idratazione
video ricette

Pagnotta veloce ad alta idratazione

Pagnotta veloce ad alta idratazione è morbida dentro e croccante all’esterno!

Solo 4 ore di lievitazione per la tua Pagnotta veloce ad alta idratazione

Un procedimento quasi inverso che ho sperimentato in uno di questi pomeriggi di quarantena.

Si parte dalla fonte di vita: l’acqua.

Ma mi raccomando: mani sempre ben oleate!

Ingredienti:

  • 500 g farina di grano duro rimacinata
  • 400 ml acqua
  • 10 g sale
  • 10 g lievito di birra
  • 6 cucchiai di farina per piano di lavoro
  • q.b. olio Evo

Procedimento:

  1. per prima cosa riscaldate l’acqua che dovrà essere tiepida.
  2. sciogliete poi il sale nell’acqua e versali in una ciotola capiente.
  3. Unite il lievito di birra alla farina e mescolate
  4. Aggiungete la farina poco per volta all’acqua e iniziate ad impastare gli ingredienti.
  5. Oleate le mani, aggiungete 6 cucchiai di farina sul piano di lavoro e continuate ad impastare.
  6. Trasferite il panetto liscio, compatto e morbido in una ciotola.
  7. Rivestite la ciotola con la pellicola e fate lievitare per 2 ore circa coperto con un plaid lontano da fonti di calore o d’aria.
  8. Oleate il piano di lavoro, prendete l’impasto e procedete con le pieghe.
  9. Pezzate il panetto in 4 parti, fate un’incisione su ciascun panetto e spolverate della farina in superficie.
  10. Fate lievitare per altre 2 ore sempre ben coperti.
  11. Disponete dopo le pagnotte su una leccarda da forno e infornate in forno preriscaldato, statico a 200° per 10 minuti (in basso).
  12. Proseguite poi per altri 10 minuti nella parte alta del forno.

Trucchi del mestiere:

  • tenete sempre le mani ben oleate per lavorare l’impasto;
  • se volete ottenere una crosticina bella croccante, per gli ultimi 10 minuti accendete la ventola superiore del forno;
  • potete conservare il pane avvolto con pellicola o in un sacchetto frigo gel per 2 giorni circa e riscaldarlo all’occorrenza oppure surgelarlo per non più di 1 mese.

Voglia di impastare a mano le Lasagne Bolognesi?

Viaggia e scopri la storia del Parfait di mandorle

 

 

 

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *